Weird West è un GDR isometrico che vuole fondere le atmosfere della frontiera con elementi di sovrannaturali dalle tinte orrorifiche. Consideratole un Red Dead incontra Darkest Dungeon e entrambi fanno una run a Torment.

Era dai tempi di Red Dead Online che qui in redazione non si parlasse tanto di western come da quando è stato annunciato Weird West. Questo titolo, tecnicamente l’opera prima della nuova casa di produzione Wolfeye Studios ha suscitato il nostro interesse per vari motivi, dall’ambientazione a chi ci sia effettivamente dietro il suo sviluppo, purtroppo per voi (e per noi… ) la prima notizia che dobbiamo darvi e che il suo rilascio, inizialmente previsto per l’11 Gennaio è stato spostato al 31 marzo. Normalmente ci preoccuperemmo, ma in questo caso siamo relativamente fiduciosi.

Il gioco sarà disponibile per PC, Xbox e PlayStation, e con il Game Pass dal day one.

Provando a fondo il nostro gioco da un lato ci siamo accorti che è davvero fantastico, dall’altro, però, siamo consapevoli che non è ancora pronto per essere pubblicato. […] Il team è composto da persone che hanno una grande esperienza nel realizzare immersive sim, e sappiamo bene quanto possano essere fantastici i giochi del genere quando tutte le componenti si integrano alla perfezione
– Raphaël Colantonio, game director

Weird West è si l’opera prima di Wolfeye Studios, ma dietro a questo nuovo sviluppatore troviamo Raphaël Colantonio che ha un esperienza più che ventennale con il genere degli immersive-sim (con Arkane ha lavorato a classici come Dark Messiah of Might and Magic, Dishonored e Prey, solo per citarne alcuni) che ha deciso di mettersi in proprio e puntare a questo progetto che vuole fondere una azione frenetica in tempo reale con un ambiente completamente interattivo.
il modo in cui potremo interagire con l’ambiente ricorda molto lo stile di Divinity della Larian, potremo utilizzare oggetti su altri oggetti e influenzare il risultato con le nostra abilita. Ad esempio potremo rovesciare un barile di catrame per spargerne il contenuto al suolo, poi dare fuoco al catrame, magari nella speranza che raggiunga quella cassa di polvere da sparo laggiù e la faccia esplodere, ma ora che abbiamo un barile vuoto potremo raddrizzarlo e aspettare che piova in modo che si riempia d’acqua e poi bere quell’acqua per rigenerare punti ferita. Il gioco incoraggia deliberatamente la libertà d’azione e il pensiero laterale nel giocatore.

Weird West ci darà la possibilità di scegliere di vivere la sua storia attraverso uno dei cinque personaggi principali, le cui vicende personali andranno a intrecciarsi durante la trama per convergere nel finale: avremo Jane Bell, una pistolera in pensione che riprende le armi per vendicarsi di chi ha ucciso la sua famiglia, “Pigman”, un uomo colpito da una maledizione che l’ha trasformato in una creatura grottesca, Desiderio Rios, un pistolero licantropo, Across-Waters, un nativo americano che insegua il mito di un antico male nascosto e Nell Bitterleaf, una chiaroveggente che ha predetto un futuro orribile ed è partita per cercare di impedirlo. Ognuno di questi personaggi, oltre a una propria storia, avrà anche un suo set di abilità speciali che ci permetterà un approccio unico alle varie situazioni ed enigmi che incontreremo durante il gioco. Il mondo di gioco avrà un impianto simile ai primi due Fallout, avremo una mappa principale attraverso cui potremo muoverci da una regione all’altra (con tanto di classici incontri casuali durante gli spostamenti). Una volta raggiunta una regione avremo la possibilità di esplorarla per scoprire segreti ed oggetti nascosti, oltre che vari png pronti a offrirci quest secondarie o a mandare avanti la trama principale. Il tutto ovviamente in un atmosfera dai toni western, ma con una pesante contaminazione dark fantasy.